La Villa Comunale protagonista della Giornata Mondiale del Libro

Lunedì 23 aprile, in occasione della “Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore”, la Villa Comunale di Scafati, luogo simbolo della città, da anni in balìa dell’incuria e del degrado, ha per un attimo ripreso a respirare con canti, sorrisi, letture e musiche tradizionali. Un’atmosfera magica, quasi nostalgica, in ricordo di tempi lontani.

La lodevole iniziativa, “LETTURE fioriscono LIBERE in Villa”, è stata promossa dalla Sezione “Storia Locale” della Biblioteca Francesco Morlicchio, coordinata dalla Direttrice Maria Benevento, in collaborazione con il gruppo Facebook “Sei di Scafati se…” ed il presidio di Libera a Scafati, “Nicola Nappo”, con la partecipazione degli studenti degli Istituti Secondari di 1° grado.
«Rifacendomi alle parole di Peppino Impastato – ci spiega la direttrice della Biblioteca, Maria Benevento – Scafati in questo momento ha bisogno di bellezza e per me il libro rappresenta la pura bellezza, soprattutto in occasioni come questa, in cui è necessario promuovere la lettura condivisa con momenti di musica e di allegria. Tutto questo può contribuire a ridare un senso di riappropriazione di questo luogo storico che conserva memoria, che è stato svago, luogo di riflessione, amore, studio e conoscenza. L’armonia di tutti questi elementi è raccolta in queste letture libere a voce alta. L’iniziativa si colloca, inoltre, in concomitanza anche con il 25 aprile, Giornata delle celebrazione della Liberazione nazifascista, e a distanza del 70° anniversario dall’entrata in vigore della nostra Costituzione, motivo in più per recuperare anche i nostri valori e la nostra memoria storica».
Sebastiano Sabbatino, uno degli admin del gruppo “Sei di Scafati se…”, che da sempre si occupa di promuovere e valorizzare i luoghi e le tradizioni del nostro territorio aggiunge, «L’idea è nata molto spontaneamente insieme alla direttrice Maria Benevento con l’intento di coniugare il bisogno di recuperare il Parco Wenner, luogo prezioso della nostra città, e di promuovere la lettura e la cultura. Questo giardino storico ha rappresentato il luogo del cuore di Scafati in cui sono nati amori e storie fantastiche. In questo angolo, in particolare, era stato costruito agli inizi del ‘900 un “Casino Nobile” abbattuto poi negli anni ’70, vi era anche una quercia secolare, dove molti scafatesi ancora conservano ricordi straordinari, pezzi delle nostre vite che hanno segnato le nostre storie personali. Il messaggio che vogliamo lanciare in questa giornata è dunque quello di tornare a rivivere la nostra Villa, anche per scongiurare fenomeni di microcriminalità o episodi illeciti che possono annidarsi laddove un luogo è abbandonato e non viene vissuto come dovrebbe».
Gerardo Illustrazione, rappresentante del presidio Libera Contro le Mafie di Scafati, “Nicola Nappo”, prosegue, «Tutto ciò che ci circonda può divenire uno strumento per sensibilizzare il prossimo e può aiutarci a capire da che parte stare, cosa poter fare e chi voler diventare. Anche i libri, l’ascolto e la lettura in particolare sono fondamentali per risvegliare le coscienze e sperare in un futuro diverso. L’iniziativa per la “Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore” organizzata a Scafati con la direttrice della Biblioteca e con il gruppo Fb “Sei di scafati se…”, è stata un’occasione importante per ridare vita a un luogo della nostra città, spesso trascurato che, grazie a canti, esibizioni e letture a voce alta, per un attimo è tornato ad essere cuore pulsante».

A cura di Ivan Piedepalumbo

Commenti
Condividi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per Maggiori informazioni leggi la nostra Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi