“SOS Salviamo la Villa”: in centinaia per combattere l’incuria del polmone verde di Scafati

Lontani restano i tempi in cui il Parco Wenner, meglio noto a Scafati come “Villa Comunale”, era vanto straordinario e polmone verde della città.
Le gravissime condizioni di incuria e degrado in cui negli ultimi anni versa la Villa, patrimonio storico ed ambientale di inestimabile valore e memoria storica della comunità, stanno suscitando grande preoccupazione nei cittadini.
Le difficoltà ed inadempienze nella salvaguardia del Bene, in particolare nella gestione e manutenzione del suo patrimonio botanico ed architettonico, dimostrate negli ultimi anni, prima dall’ultima Amministrazione Comunale, sciolta per infiltrazioni camorristiche e poi dalla gestione straordinaria Commissariale, hanno spinto i cittadini a denunciare con determinazione la criticità della situazione.


Con il documento/appello, “S.O.S. Salviamo La Villa”, inoltrato il 14 maggio 2018 alla Commissione Straordinaria, cittadini, associazioni e comitati di volontariato, guidati da Sergio Catalano, responsabile del comitato, chiedono interventi incisivi ed urgenti per la salvaguardia del parco.
L’idea, in via di definizione, è una proposta congiunta di associazioni e comitati operanti sul territorio, per un nuovo “Regolamento sulla partecipazione tra Cittadini ed Amministrazione per la cura, la rigenerazione e la gestione condivisa dei Beni Comuni urbani”.
Domenica 20 maggio, infatti, le associazioni interessate insieme ad un centinaio di cittadini e sostenitori dell’iniziativa, hanno dato il via al processo di bonifica della Villa. Muniti di strumenti da lavoro ed amore sincero per le proprie origini, hanno cominciato a ripulire alcuni vicoli del verde comune e hanno presentato ai visitatori il documento e una raccolta firme per la sua sottoscrizione.

Di seguito i primi firmatari:

Sergio Catalano, Presidente del Comitato “Laboratorio Vitrare”;
Francesco Salluzzi, Presidente dell’associazione “Pro Loco Scafati 360”;
Maddalena Parmentola, Coordinatrice del “Centro Culturale Arianna”;
Ivan Piedepalumbo, Presidente dell’Associazione “Wake up Scafati”;
Alfonso Annunziata, Presidente della “ANPI Scafati – Sezione “Bernardino Fienga”;
Domenico Pedone, Presidente del “Comitato Scafati a Difesa del Sarno”;
Carmine Ferrante, Presidente dell’Associazione “Scafati Futuro e Sociale”;
Salvatore Rosano, Presidente della “Compagnia stabile dei ragazzi “Filippo Sgruttendio de Scafato”;
Carmine Sergianni, Coordinatore del “Forum dei Giovani di Scafati”;
Ilenia Cardillo, Presidente dell’Associazione “Raggio di Sole”;
Nicholas Lucio Longo, Presidente dell’Associazione “APS Memento”;
Lorenzo Coppa, Responsabile del “Gruppo AGESCI Scafati 1”;
Alfonso Romano, Coordinatore dell’UDS di Scafati, “Unione degli Studenti – Scafati”;
Anna Cioffi, in rappresentanza del costituendo “Comitato FACTA Scafati”;

E ancora Redenta Formisano, Sebastiano Sabbatino, Michele Grimaldi, Gianpiero Russo, Rita Mandato, Vincenzo Marino, Alfonso Strino, Nunzio Galbano, Gino Iuliano, Filomena D’aniello, Francesco Carotenuto, Carla Formisano.

A cura di Benedetta Ferrara
Foto di Alessandra Scarpa

 

Commenti
Condividi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per Maggiori informazioni leggi la nostra Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi