IL BILANCIO FAMILIARE

Un’azienda di nome FAMIGLIA
La famiglia è la primordiale forma di impresa: che sia composta da una o
più persone di pari o diverso sesso ed età, da secoli, attraverso le semplici
operazioni quotidiane, applica e tramandi i principi basilari della
contabilità aziendale.

Quali sono questi principi?
Controllo delle entrate e delle uscite, pianificazione delle spese,programmazione del risparmio.

Controllo della cassa familiare
I soldi che, di mese in mese, restano al nucleo familiare compongono la
cassa. Il controllo avviene annotando giornalmente le entrate e le uscite di
denaro specificando per ogni voci la natura dell’operazione: è un momento
importantissimo perché consente in qualsiasi momento di valutare la
solidità dell’azienda famiglia.

Infatti se il valore della cassa è positivo vuol
dire che, al netto delle spese, rimangono soldi alla famiglia; se il valore è
negativo vuol dire che si sta spendendo più di quanto si è guadagnato nel
mese corrente ed accantonato nei mesi precedenti.

Pianificazione delle spesa
L’anno prossimo quanto servirà per le esigenze dei componenti della
famiglia?
Annotare le risorse in ingresso e specificare la natura delle uscite è di
supporto al bilancio previsionale. Consente di categorizzare le spese e di
sapere ogni anno quanto si spende ad esempio in tasse, alimentazione,

vestiario, istruzione, salute, benessere, viaggi, e così via: fornisce una
indicazione sulle risorse finanziarie necessarie per l’anno successivo.
Nella fase di pianificazione è importante pensare al cassetto per gli
imprevisti: destinare una parte dei soldi in cassa alle spese straordinarie a cui normalmente non si provvede. Pianificare al meglio aiuta ad evitare il sovraindebitamento!

Programmare di realizzare desideri
Cosa desidera la famiglia? Per realizzarlo quanto deve risparmiare ogni
anno? Per quanti anni?
Così si costruisce e concretizza un sogno. Il risparmio a questo serve.

La giusta formula a cui ricorrere è:
Entrate – Risparmio = Uscite

Nella prassi, invece, si risparmia ciò che residua dalla differenza tra le
entrate e le uscite.
Al contrario conoscere le spese e pianificarle deve servire ad ottimizzarle
ed aumentare la parte di risparmio per costruire i progetti di vita. Il
risparmio è uno stato mentale!

A cura di Maria Fiore
Consulente Finanziario






Commenti
Condividi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per Maggiori informazioni leggi la nostra Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi